PENTALUX S.R.L.

 

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

 

ART 1. RISPETTO DELLE CONDIZIONI DI VENDITA

1.1 Qualsiasi contratto di vendita sottoscritto tra la società Pentalux S.r.l. (d’ora in poi: “Venditore”) per la fornitura/vendita di tutti i prodotti a proprio marchio (Pentalux, Italpent e/o altri) ed uno o più acquirenti e/o committenti (d’ora in poi: “Cliente”), che non rientrino nella definizione di “consumatore” sancita dal D.Lgs. n. 206/2005, sarà disciplinato dalle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito solo: “Condizioni Generali”) le quali prevalgono integralmente rispetto a qualsivoglia difforme pattuizione. Si applicano esclusivamente le seguenti Condizioni Generali anche qualora il Venditore presti incondizionatamente un servizio sulla base di condizioni generali diverse e/o difformi.

1.2 Qualsiasi accordo  Sottoscritto tra il Cliente ed il Venditore difforme da quanto previsto nelle presenti Condizioni Generali non ha efficacia se non confermato per iscritto dal Venditore. Qualora una delle seguenti condizioni generali venga annullata e/o modificata da un accordo scritto stipulato tra il Venditore ed il Cliente, resta impregiudicata la validità delle restanti clausole.

1.3 Le Condizioni Generali rappresentano la totalità delle pattuizioni intervenute tra il Cliente ed il Venditore e si sostituiscono e prevalgono su ogni altra comunicazione scritta o orale intercorsa tra quest’ultimi in un momento antecedente all’ordine.

1.4 Le presenti Condizioni Generali e le clausole di seguito elencate si intendono per integralmente accettate a prescindere dalla sottoscrizione da parte del Cliente, dovendosi le medesime considerare come parte essenziale dell’ordine ed essendo le stesse interamente pubblicate sul sito internet ufficiale della Pentalux S.r.l. www.pentalux.it.

1.5 Il Venditore si riserva il diritto di modificare e/o variare le presenti Condizioni Generali, allegando tali modifiche e variazioni alle offerte e/o a qualsivoglia corrispondenza scritta inviata al Cliente nonché pubblicando le predette variazioni sul sito internet ufficiale della Pentalux S.r.l. www.pentalux.it. Le eventuali modifiche alle presenti Condizioni Generali si intendono per accettate dal Cliente in caso di mancata specifica contestazione scritta entro giorni 15 (quindici) dalla loro conoscenza ovvero nella corrispondenza immediatamente successiva.

1.6 È fatto espresso divieto al Cliente di modificare i prodotti oggetto del contratto, eliminando i segni distintivi della Pentalux e, pertanto, di porre in essere azioni volte ad una non leale concorrenza ovvero allo sviamento della clientela in danno del Venditore.

 

ART. 2. OFFERTA ED ORDINI

2.1 Le offerte e/o i preventivi di vendita formulate da Pentalux S.r.l. a seguito di espressa richiesta d’ordine formulata per iscritto dal Cliente ovvero per il tramite di un agente/rappresentante, hanno una validità di 30 giorni decorrenti dalla formulazione delle stesse e limitatamente all’integrale fornitura di quanto nelle stesse quotato. Decorso il suddetto termine, l’offerta e/o il preventivo di vendita non avrà più alcuna validità,

salvo quanto diversamente indicato dal preventivo o dall’offerta stessa.

 

ART. 3. CONCLUSIONE DELLA VENDITA

3.1 Il contratto di vendita si intende concluso e perfezionato con l’accettazione, da parte del Cliente, della conferma d’ordine allo stesso inviata dal Venditore a mezzo mail con l’indicazione dei tempi di consegna e del prezzo applicato. Nel caso in cui il Venditore, a seguito dell’invio al Cliente della conferma d’ordine scritta, non riceva l’accettazione scritta del Cliente entro i tre giorni successivi, l’ordine si intenderà accettato dal Cliente.

3.2 Il Venditore si riserva la facoltà di effettuare consegne parziali salvo diniego scritto da parte del Cliente. Ogni consegna parziale potrà essere fatturata separatamente.

3.3 L’accettazione da parte del Cliente della conferma dell’ordine inviata da Pentalux, in qualunque modo effettuata, comporta l’applicazione e l’osservanza delle presenti Condizioni Generali di Vendita.

 

ART. 4. PREZZI

4.1 Salvo diverso accordo scritto tra il Venditore ed il Cliente, il prezzo dei prodotti richiesti da quest’ultimo dovrà intendersi pattuito nella misura indicata nell’ultimo aggiornamento listino prezzi della Pentalux S.r.l. I prezzi del listino sono indicativi e non vincolano il Venditore che si riserva il diritto di variarli senza nessun onere di preavviso nei confronti dei terzi.

4.2 I prezzi dei prodotti sono da intendersi riferiti a “merce nuda” e, pertanto, non comprensivi di costi di eventuali imballaggi che saranno ad esclusivo carico del Cliente, qualora non diversamente pattuito per iscritto.

4.3 L’Iva sarà calcolata separatamente, tenendo conto della percentuale di volta in volta in vigore per legge e dovrà essere integralmente pagata dal Cliente.

4.4 Il Venditore potrà addebitare al Cliente i costi aggiuntivi derivanti da eventuali modifiche e/o servizi aggiuntivi richiesti dal Cliente stesso e approvati – per iscritto – dal Venditore.

 

ART. 5. PAGAMENTI

5.1 I pagamenti devono essere effettuati nei modi ed esattamente entro le scadenze concordate dalle parti.

5.1 Se non diversamente concordato – per iscritto – dalle parti, il pagamento del corrispettivo deve avvenire entro giorni 30 (trenta) dal ricevimento della fattura.

5.2 Per giorno di pagamento si intende sempre il giorno in cui il Venditore dispone realmente

dell’importo.

5.3 Nel caso di ritardato pagamento, il Venditore è autorizzato – senza necessità di inviare al Cliente alcun sollecito scritto – a sospendere l’adempimento delle proprie obbligazioni sino a che il pagamento non sia effettivamente ricevuto nonché ad esigere, mediante richiesta scritta inviata al Cliente, gli interessi moratori di cui al D.Lgs. n. 231/2002, oltre il maggior danno.

5.4 L’inosservanza dei termini e delle condizioni di pagamento esonera il Venditore da ogni obbligo di consegna del Prodotto, anche relativamente a merci diverse da quelle cui si riferisce la predetta inosservanza, con facoltà in capo al Venditore stesso di procedere all’incasso anticipato dell’intero credito vantato ovvero di risolvere il contratto.

 

ART. 6. RISERVA DI PROPRIETÀ

6.1 Il Venditore si riserva il diritto di proprietà di tutti i suoi Prodotti sino al ricevimento di tutti i pagamenti previsti dal contratto sottoscritto. Il Cliente è tenuto a collaborare a qualsivoglia misura necessaria per la protezione della proprietà del

Venditore.

6.2 Il Cliente è tenuto a maneggiare con la dovuta cura la merce con riserva di proprietà in favore del Venditore. Il Cliente, all’atto della sottoscrizione del contratto, si obbliga, altresì, a prendere ogni misura necessaria affinché la rivendicazione di proprietà del Venditore non sia pregiudicata e/o annullata. Nell’ipotesi in cui il Cliente non abbia provveduto al pagamento integrale del prezzo ed allo stesso tempo non sia più nella disponibilità materiale della merce

(es. nel caso di rivendita), quest’ultimo dovrà corrispondere in favore della Pentalux il controvalore economico della merce in questione.

 

ART. 7. TRASFERIMENTO DEL RISCHIO

7.1 Qualora non risulti diversamente da accordi scritti, i prodotti oggetto di vendita sono venduti “EX WORKS” (“Franco Fabbrica”).

7.2 Il Venditore non risponde in alcun modo ed in nessun caso dei vizi, del perimento e/o del

danneggiamento dei prodotti dopo il passaggio del relativo rischio al Cliente. Il Cliente non è mai liberato dall’obbligo di pagare il prezzo nei casi in cui il perimento e/o il danneggiamento della merce avviene dopo il passaggio dei rischi.

7.3 Il rischio viene trasferito al Cliente, altresì, quando vengono ultimate consegne parziali ovvero quando il Venditore si è assunto altre prestazioni di servizio (es: l’assunzione di costi di spedizione, la consegna).

 

ART. 8. TERMINE DI CONSEGNA

8.1 I termini per la consegna risultanti dall’offerta e/o dal preventivo di vendita non sono vincolanti per il Venditore, qualora non diversamente

risultante da accordo scritto.

8.2 Qualora le parti abbiano concordato un termine di consegna da intendersi, espressamente vincolante per il Venditore, il Cliente è tenuto ad espletare ogni questione tecnica e/o commerciale necessaria nonché a rispettare puntualmente ogni suo obbligo

entro il termine stabilito. In mancanza di quanto prescritto, i tempi di consegna si prolungheranno automaticamente senza alcuna responsabilità in

capo al Venditore.

8.3 Il termine di consegna deve essere inteso per rispettato qualora prima della sua scadenza l’oggetto della vendita abbia lasciato lo stabilimento del Venditore.

8.4 Qualora il termine di consegna venga ritardato su richiesta del Cliente, quest’ultimo si obbliga a corrispondere in favore del Venditore le spese derivanti dal deposito e dallo stoccaggio della merce nello stabilimento del Venditore. Il Venditore è autorizzato a disporre diversamente dell’oggetto della vendita dopo aver concesso al Cliente una proroga ragionevole – la cui durata è sottoposta all’insindacabile giudizio del Venditore – rivelatasi,

poi, infruttuosa.

8.5 Qualora il ritardo nella consegna, superiore a giorni 60 (sessanta) rispetto alla data stabilita, sia imputabile al Venditore e, da tale ritardo derivino danni in capo al Cliente, sussiste l’obbligo del Venditore di corrispondere, a titolo di clausola penale, e con espressa esclusione della risarcibilità del danno ulteriore, un importo pari allo 0,5% del

prezzo dell’ordine per ogni settimana di ritardo. Il predetto importo non potrà comunque essere superiore al 5% del prezzo della fornitura consegnata in ritardo.

8.6 Il Cliente ha facoltà di risolvere il contratto qualora il ritardo nella consegna sia da considerarsi grave ed imputabile, in via esclusiva, al Venditore

ovvero nel caso di ritardo superiore a giorni 70 (settanta) rispetto alla data di consegna

originariamente prevista. Il Cliente che intende esercitare tale diritto deve darne comunicazione scritta al Venditore entro e non oltre giorni 10 (dieci) dal 71esimo giorno di ritardo della consegna.

8.7 Nell’ipotesi di cause di forza maggiore quali mobilitazioni, guerra, atti terroristici, sommosse interne, calamità naturali, incendi o altre circostanze fortuite e non prevedibili ed in alcun modo imputabili al Venditore stesso come, a titolo esemplificativo, scioperi, serrate legittime, anomalie nell’esercizio, mancanza di mezzi di trasporto, difficoltà nell’approvvigionamento delle materie prime o mancate consegne da parte dei propri

fornitori, i termini di consegna verranno automaticamente prorogati in base alla durata

dell’impedimento, senza alcun diritto a risarcimenti ovvero indennizzi o altro in favore del Cliente.

 

ART. 9. DENUNCIA DEI VIZI

9.1 Il Cliente si impegna a verificare prontamente la corrispondenza di tutti i prodotti ricevuti con i relativi documenti di spedizione. Il Cliente dovrà denunziare per iscritto al Venditore eventuali vizi riconoscibili della cosa, entro giorni 10 (dieci) dal ricevimento della merce. La presenza di eventuali vizi non palesi dovrà, invece, essere denunciata al

Venditore, nelle medesime modalità, entro e non oltre giorni 7 (sette) dal momento in cui i vizi sono stati rilevati e comunque entro e non oltre un anno dall’avvenuta consegna. Eventuali costi sostenuti per la verifica della corrispondenza dei prodotti

ovvero circa l’eventuale sussistenza di vizi sono sempre ad esclusivo carico del Cliente. Sono sempre esclusi diritti per vizi comunicati oltre i predetti

termini perentori.

9.2 Il Cliente non è mai autorizzato a rifiutare la consegna dell’oggetto della fornitura per vizi non sostanziali.

9.3 Le denunce riguardanti una fornitura incompleta rispetto all’ordine effettuato, dovranno essere comunicate per iscritto al Venditore entro giorni 7 (sette) dall’avvenuta consegna dei prodotti.

9.4 Entro un termine ragionevole non superiore a giorni 30 (trenta) dal ricevimento della

comunicazione di denunzia dei vizi, il Venditore verificherà le contestazioni sollevate e, in caso di accettazione della contestazione, provvederà a sostituire a proprie spese i prodotti difettosi e/o viziati nonché, a seconda di quanto concordato per iscritto con il Cliente, a provvedere all’invio dell’eventuale merce mancante e/o all’emissione di note di credito.

9.5 Qualora su richiesta scritta ad opera del Cliente, il Venditore affidi la consegna ad un terzo in qualità di trasportatore, il Cliente si obbliga a registrare e confermare i danni di trasporto evidenti in presenza del trasportatore. Qualora si sia verificato alla merce

un danno non visibile esternamente, il Cliente è tenuto a comunicarlo al trasportatore,

immediatamente dopo la scoperta del danno, per iscritto, comunque entro e non oltre giorni 7 (sette) dal ricevimento del prodotto oggetto di fornitura. Il Cliente si obbliga, altresì, ad informare, per iscritto, il Venditore in merito ai danni di trasporto ed alla

loro denuncia. In caso di danni ai prodotti imputabili al trasportatore è esclusa qualsivoglia

responsabilità in capo al Venditore.

 

ART. 10. DIRITTI DEL CLIENTE PER I VIZI DELLA COSA

10.1 Qualora non diversamente pattuito da un accordo differente e risultante per iscritto, il termine di prescrizione per i diritti derivanti da eventuali vizi dell’oggetto della vendita è pari a mesi 12 (dodici) dalla data di avvenuta consegna.

10.2 Nell’ipotesi di vendita di oggetti difettosi, i cui vizi non siano sostanziali, il Venditore, recepita la denuncia del difetto per iscritto da parte del Cliente nei termini di cui all’art. 9, ha facoltà di adempiere eliminando il vizio (“miglioria”) entro giorni 30 (trenta) dalla materiale ricezione del prodotto difettoso ad opera del Cliente ovvero di fornire un diverso oggetto non difettoso (“fornitura successiva”) nel medesimo termine. Il Cliente si obbliga a garantire al Venditore il libero accesso all’oggetto di vendita per effettuare le predette operazioni nonché a mettere a disposizione del Venditore gli strumenti, i dispositivi ed il personale necessari per il corretto adempimento successivo, in mancanza il Venditore è esonerato da qualsiasi

responsabilità.

10.3 Non sussiste in capo al Cliente alcun diritto per i vizi della cosa nei seguenti casi in cui sia esclusa la responsabilità del Venditore: impiego non idoneo e/o non appropriato, errata messa in funzione da parte del Cliente o di soggetti terzi da quest’ultimo incaricati, usura naturale della cosa, trattamento difettoso e/o negligente, manutenzione non effettuata e/o non regolare, mezzi aziendali inadatti e potenzialmente lesivi, lavori di costruzione

difettosi, area fabbricale inadeguata, influenze chimiche, elettrochimiche e/o elettriche, modifiche all’oggetto della fornitura. Il Venditore non garantisce il funzionamento dei prodotti qualora vi sia una diversa configurazione e/o un uso diverso degli stessi da parte del Cliente rispetto alle configurazioni e/o all’utilizzo forniti dal Venditore ovvero nel caso in cui il Cliente voglia ottenere una prestazione diversa rispetto a quella garantita dal Venditore.

 

ART. 11. LIMITAZIONE DI RESPONSABILITÀ

11.1 Tutti i casi di violazione contrattuale e le loro conseguenze giuridiche nonché ogni rivendicazione da parte del Cliente sono integralmente regolamentate in modo tassativo dalle presenti condizioni.

11.2 Sono escluse tutte le rivendicazioni per il risarcimento danni, riduzione, risoluzione del

contratto o recesso non espressamente menzionate nelle presenti condizioni generali.

11.3 In nessun caso sussistono rivendicazioni del Cliente per il risarcimento dei danni che non si sono verificati sull’oggetto della vendita con particolare riferimento alla perdita di produzione, perdita di utilizzo, ordini persi, lucro cessante nonché altre tipologie di danni diretti ed indiretti.

11.4 La responsabilità del Venditore si limita, in ogni caso, al valore dell’ordine della vendita in questione.

11.5 Le parti concordano che la Pentalux S.r.l. non sarà responsabile in caso si presenti un qualsiasi difetto derivante dal normale deterioramento e/o usura, danno intenzionale, negligenza, condizioni di lavoro anomale, mancata osservanza delle istruzioni

di Pentalux (sia verbali sia scritte), utilizzo improprio o alterazione, modifica, regolazione o

riparazione dei prodotti effettuata senza l’approvazione del Venditore; se il prezzo dei

prodotti non è stato corrisposto dal Cliente entro la data prevista per il pagamento; se il Cliente abbia apportato aggiunte o assemblaggi con ulteriori prodotti non forniti da Pentalux.

 

ART. 12. OBBLIGO DI RISERVATEZZA E PROPRIETÀ INTELLETTUALE

12.1 Il Cliente, se non espressamente autorizzato per iscritto dal Venditore, si obbliga a non divulgare in favore di terzi, né oralmente né per iscritto né attraverso ogni altra possibile modalità di comunicazione, le informazioni apprese dal Venditore, siano esse di carattere commerciale ovvero tecnico.

12.2 Il Venditore si obbliga a non divulgare in favore di soggetti terzi informazioni circa gli ordini effettuati dal Cliente, qualora non espressamente autorizzato in tal senso da quest’ultimo.

12.3 Il Cliente riconosce espressamente che i marchi, nomi di commercio o altri segni distintivi apposti sulla merce sono di esclusiva proprietà di Pentalux S.r.l. e non possono essere alterati, modificati, rimossi o cancellati in qualsiasi modo. Il Cliente ha il limitato diritto di uso dei marchi, nomi di commercio o altri segni distintivi, così come di

ogni altro diritto di privativa industriale o know-how produttivo e commerciale incorporato nella merce e che rimane di proprietà esclusiva di Pentalux S.r.l., al solo ed unico fine di rivendere la merce al pubblico. Ogni diverso utilizzo della proprietà intellettuale di Pentalux S.r.l. da parte del Cliente, se non espressamente autorizzato dalla stessa Pentalux S.r.l. per iscritto, si intenderà violazione da parte del Cliente dei predetti diritti esclusivi del Venditore, anche sotto il profilo della responsabilità contrattuale, con conseguente pieno diritto in capo al Venditore di agire per la risoluzione del contratto oltreché per il risarcimento di tutti i danni patiti e patendi.

12.4 I documenti, disegni, dati ed informazioni (sia in forma cartacea sia su supporto elettronico) che dovessero venire consegnati al Cliente, rimangono di esclusiva proprietà di Pentalux S.r.l. e costituiscono supporto per una migliore rappresentazione dei Prodotti e sono indicativi delle prestazioni dei Prodotti stessi.

 

ART. 13. DETERIORAMENTO DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE DEL CLIENTE

13.1 Qualora, dopo la conclusione del contratto, la situazione patrimoniale del Cliente dovesse subire un peggioramento tale da poter pregiudicare l’osservanza degli obblighi contrattuali (es. cessazione dei pagamenti, assoggettamento a procedura concorsuale, pignoramenti e/o altri provvedimenti di esecuzione forzata, riscossione di protesti bancari o di assegni e restituzioni di addebito, anche verso terzi), il Venditore ha la facoltà di non effettuare la consegna della merce sino al pagamento anticipato del corrispettivo pattuito ovvero di richiedere una garanzia commisurata al valore dell’ordine.

13.2 Il precedente comma è applicabile anche nei casi di ritardi nei pagamenti da parte del Cliente che possano determinare dubbi sulla sua solvibilità e/o affidabilità creditizia.

13.3 In tutte le ipotesi esplicitate all’art. 13.1, il Venditore ha altresì facoltà di recedere, anche solo parzialmente, dal contratto stipulato.

 

ART. 14. RISOLUZIONE

14.1 Le parti possono risolvere il presente contratto mediante comunicazione scritta con decorrenza immediata qualora l’altra parte: a) abbia posto in essere un inadempimento di non scarsa importanza e persistente alle previsioni del presente contratto e non vi ponga rimedio entro 30 (trenta) giorni dal ricevimento di una comunicazione scritta; ovvero b)

diventi insolvente ovvero non sia in grado di pagare i debiti laddove esigibili.

14.2 Il Venditore potrà risolvere il contratto con effetto immediato, ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 1456 c.c., fermo il diritto al risarcimento del maggior danno nei confronti del Cliente, qualora quest’ultimo non provveda puntualmente e secondo quanto pattuito al pagamento dell’ordine effettuato, nonché nell’ipotesi di modifica del prodotto da

parte del Cliente che comporti l’eliminazione, anche parziale, dei segni distintivi del Venditore così come disciplinato dall’art. 1 del presente contratto. Inoltre,

il Venditore potrà risolvere il contratto con effetto immediato nelle ipotesi di cui al precedente art. 12, commi tre e quattro.

 

ART. 15. OSSERVANZA DELLE NORME GIURIDICHE ED ESPORTAZIONE

15.1 Il Venditore garantisce la conformità dei prodotti offerti, oggetto del contratto di vendita,

con le norme dell’Unione Europea (UE) ed internazionali ad essi eventualmente applicabili.

15.2 Il Cliente è tenuto ad osservare tutte le norme giuridiche, le richieste amministrative e tutte le altre leggi applicabili, in particolare le normative in materia di esportazione e le norme dello Stato in cui opera il Cliente.

15.3 Il Cliente è tenuto a procurarsi tutte le autorizzazioni e le licenze richieste, così come tutti gli altri permessi necessari all’utilizzo o all’esportazione dell’oggetto della vendita

conformemente a tutte le normative applicabili.

15.4 Il Venditore si riserva il diritto di rifiutare l’esecuzione della propria prestazione in favore del Cliente, nel caso in cui questi dovesse violare le predette normative applicabili o qualora non fossero disponibili tutte le autorizzazioni richieste.

15.5 Il Venditore non risponde, in nessun caso ed a nessun titolo, delle violazioni delle normative applicabili eventualmente poste in essere dal Cliente ovvero della mancanza, in capo a quest’ultimo, delle autorizzazioni e/o licenze eventualmente necessarie.

 

ART. 16. CESSIONE DEL CONTRATTO

16.1 Il Cliente non è autorizzato a cedere, neanche parzialmente, i diritti e/o i doveri che gli derivano dal contratto stipulato con il Venditore, senza previo consenso scritto da parte di quest’ultimo.

16.2 Il Venditore è autorizzato a cedere, anche parzialmente, i diritti e/o i doveri che gli derivino dalle vendite, in particolare alle società facenti parte

dello stesso Gruppo.

 

ART. 17. DIRITTO APPLICABILE E FORO COMPETENTE

17.1 Tutti i rapporti giuridici intercorrenti tra il Venditore ed il Cliente sono regolati esclusivamente dalla legge italiana. In caso di divergenze interpretative tra la versione italiana delle presenti condizioni generali di contratto e quelle eventualmente tradotte in altre lingue straniere, prevarrà sempre la versione in lingua italiana.

17.2 Per qualsiasi controversia derivante o connessa con i contratti di vendita disciplinati dalle presenti Condizioni Generali ovvero con l’interpretazione, la validità, l’esecuzione degli stessi si applicheranno la Giurisdizione e la legge italiana ed il foro competente esclusivo è quello di Napoli.

17.3 Luogo di adempimento per gli obblighi derivanti dalle vendite dei prodotti del Venditore ovvero ad esse collegati è da intendersi lo stabilimento del Venditore nel quale le merci si intendono consegnate al cliente.